Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Intervista ad Alice Lobanova a cura di Manuela Muttini

Intervista ad Alice Lobanova a cura di Manuela Muttini

Intervista ad Alice Lobanova a cura di Manuela Muttini

L’affascinante Alice Lobanova, moglie e madre, è una delle figure più rappresentative della cultura e dell’imprenditoria del suo Paese. La Lobanova è una donna indubbiamente realizzata e dirige insieme al marito una delle più importanti aziende di giocattoli russe. L’abbiamo incontrata a Milano in occasione della prima edizione del Festival del Cinema Russo – Premio Felix (www.premiofelix.it) che ha come obbiettivo la diffusione della cultura russa in Italia, Festival tenutesi a metà novembre presso Anteo Spazio Cinema e che rientra nel programma statale russo “Le Stagioni Russe”, un progetto organizzato dal Governo della Federazione Russa e dal Ministero della Cultura. Durante la serata di Premiazione Premio Felix sul palco si sono avvicendati nomi altisonanti italiani e russi, legati a co-produzioni dei due Paesi come: Roberto Carruba che, cultore del cinema e della tv e sceneggiatore, ha consegnato il “Felix” alla carriera al grande Lev Prigunov, protagonista del film, datato 1965, “Italiani brava gente” di Giuseppe di Santis; Andrei Plahov, famoso critico cinematografico che ha consegnato il premio per la produzione a Elisabetta Bruscolini, produttore e direttore generale della società di produzione del Centro Sperimentale di Cinematografia; infine, l’avvenente, Alice Lobonova, nota attrice e imprenditrice russa che, con la sua bellezza ed eleganza, ha regalato il momento glamour al Festival, consegnando il Premio Felix per la regia a Max Nardari, per la sua prima opera «Amore pret-a-porter» («Di tutti i colori»), uscita lo scorso anno in Russia in oltre 400 sale.

Laureata presso l’Accademia d’Arte di San Pietroburgo, Alice proviene da una famiglia di intellettuali è un’appassionata d’arte che ama la bellezza nelle sua varie forme principalmente nella pittura,  architettura  e cinema ; ma la sua bellezza esteriore si completa ancor di più con una più importante e profonda , quella interiore che esprime attraverso le numerose azioni di charity.

Alice lei è qui a Milano  nelle vesti di attrice a consegnare il premio Felix nella prima edizione del Festival del cinema russo, manifestazione che vuole porre particolare attenzione alle esperienze cinematografiche di coproduzione italo-russe. Da dove nasce questa sua passione per il cinema ?

Dato che provengo da una famiglia di attori, non potrei mai pensare alla mia vita senza cinema.   Ho lavorato tanti anni anche in tv; come regista e come attrice; ora mi piacerebbe anche  co-produrre un film, infatti sto valutando  storie, idee e sceneggiature per poter realizzare questo progetto.

Qual è il suo regista preferito ?

Nella storia del cinema sicuramente Fellini perché è un genio riconosciuto in tutto il mondo: i suoi film sono diventati per noi cultura, le immagini che è riuscito a creare sono rimaste nello spazio e nel tempo. Amo di lui la  sua ironia e stravaganza come quella del contemporaneo Quentin Tarantino, con il suo stile unico perché le sue opere sono disseminate di citazioni e omaggi a pellicole che hanno segnato la storia  e il suo immaginario.

Ha anche un attore e/o un’attrice preferiti?

No io credo che tutti i bravi attori siano speciali ed unici nei film che interpretano: è l’insieme del film che li rende tali. Amo le persone versatili che riescono ad approcciarsi al mondo del cinema e a raggiungere grandi obiettivi. Ad esempio stimo molto la mia connazionale Renata Litvinova che ha percorso un cammino creativo veramente importante nel cinema riuscendo in modo fantastico ad essere in primis sceneggiatrice poi attrice e infine regista.

La beneficenza per lei è un punto di partenza o di arrivo ?

Fin dai tempi in cui studiavo, mi sono appassionata ai grandi artisti come ad esempio Frida Kahlo, affetta da spina bifida, che ha dipinto la propria disabilità  trasformato la propria sofferenza in arte oppure come Toulouse-Lautrec, artista eclettico ed innovativo, genio assoluto,  affetto da nanismo che ha trovato conforto nella pittura che è diventata la sua grande passione. Conoscere la storia di questi artisti ha suscitato in me un profondo  interesse nei confronti della loro energica personalità, come quando frequentavo la scuola d’arte che ho avuto l’occasione di conoscere una ragazza con paralisi celebrale, anche qui sono stata catturata dal modo in cui riusciva con l’arte e la pittura ad esprimere il proprio talento. Sono stata talmente impressionata da voler aiutare le persone con queste serie difficoltà a potersi esprimere diversamente attraverso l’arteterapia. Io e mio marito, inoltre con la Fondazione Kostantine Khabensky abbiamo attrezzato una stanza in ospedale per i bimbi malati di cancro: la soddisfazione di regalare un giocattolo, vederli sorridere è meraviglioso; questa sensibilità nei confronti delle persone che soffrono e’ diventata parte di noi, del nostro stile di vita, essendo moglie e mamma tutti questi bimbi che cerchiamo di aiutare è come se fossero i nostri.

Questa soddisfazione personale è anche il segreto del successo per il suo matrimonio ?

Assolutamente si. Io credo che la famiglia sia importantissima, deve essere un punto fermo.

Mio marito , più grande di me di 23 anni, mi ha sempre trasmesso stabilità e sicurezza; insieme abbiamo raggiunto grandi traguardi, perché siamo complementari: lui mi ha sempre indirizzato ma  la mia creatività e spontaneità sono stati importanti per conquistare gli obiettivi che ci siamo posti fino ad ora. E’ la diversità generazionale e di visione delle cose che ci ha portato a costruire quello che abbiamo oggi, un tesoro indescrivibile e di cui possiamo servirci per realizzare sia progetti di business che progetti di beneficenza.

Che ruolo ha avuto il destino nella sua vita ?

Un ruolo fondamentale. E’ sempre stato il destino a offrirmi delle opportunità: mi faccio guidare sempre dai segni del destino per realizzare al massimo ogni mio progetto sia con la  beneficenza che con il business. Sono una donna molto determinata sia nel realizzare i miei sogni, ma anche  quelli degli altri.

Cosa le piace di più dell’Italia ?

Amo lo spirito storico dell’Italia, che è rimasto nelle città, nella loro architettura, senza cancellare nulla del passato. Il passato è uno strumento poetico anche per il futuro, la storia deve essere ispirazione anche per il futuro e questo vale anche per la moda  italiana che esprime sempre la tradizione: l’alta moda italiana nasce dalla tradizione.

Quali altri obiettivi e sogni ?

Fin da piccola ho disegnato abiti per bimbi e mi piacerebbe sviluppare un brand anche nella moda ed abbinarlo a  toy.ru, quello dei giocattoli. Poi quello che mi porterà il destino sarà da me assecondato perché lo vedo come una possibilità , un dono che devo cogliere al volo, trasformarlo in sogno e  realizzarlo!

International Blog ALICE-LOBANOVA-IN-24_01-150x150 Intervista ad Alice Lobanova a cura di Manuela Muttini Cultura International Blog Interviste Notizie Primo Piano Press Quotidiano Spettacolo  Manuela Muttini Intervista Alice Lobanova   International Blog Vladimir-Pirozhok-Uliana-Kovaleva-Marat-Basharov-150x150 Intervista ad Alice Lobanova a cura di Manuela Muttini Cultura International Blog Interviste Notizie Primo Piano Press Quotidiano Spettacolo  Manuela Muttini Intervista Alice Lobanova   International Blog Max-Nardari-Alice-Lobanova-3-150x150 Intervista ad Alice Lobanova a cura di Manuela Muttini Cultura International Blog Interviste Notizie Primo Piano Press Quotidiano Spettacolo  Manuela Muttini Intervista Alice Lobanova   International Blog ALICE-LOBANOVA-ML-Edit-4_01-150x150 Intervista ad Alice Lobanova a cura di Manuela Muttini Cultura International Blog Interviste Notizie Primo Piano Press Quotidiano Spettacolo  Manuela Muttini Intervista Alice Lobanova   International Blog ALICE-LOBANOVA-IN-25_01-150x150 Intervista ad Alice Lobanova a cura di Manuela Muttini Cultura International Blog Interviste Notizie Primo Piano Press Quotidiano Spettacolo  Manuela Muttini Intervista Alice Lobanova

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »

Questo sito web utilizza i cookie Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi. Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi