Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
18.5 C
Ravenna
19 Luglio 2019
Interviste

Alessia Lucchino viene intervistata da noi

Alessia Lucchino

Alessia Lucchino viene intervistata da noi

IL VOLO DI ALESSIA

 

Oggi, sabato 12 gennaio 2019, ci rechiamo all’Hotel Cascina di Corte di Venaria Reale, per intervistare una giovane aspirante modella: Alessia Lucchino.

Siamo io (Gioda Silvia), Alessia e la sua mamma Giusy Di Bisceglie, che l’accompagna in questa sua esperienza.

L’ambiente è tranquillo ed accogliente e l’hotel pare un posto da favola. Dopo i primi convenevoli ci accomodiamo nei pressi di uno splendido camino ed iniziamo l’avventura addentrandoci nella vita e nell’animo di Alessia.

Silvia: ”Ciao Alessia, oggi vorremmo raccontare qualcosa di te. Ci vuoi dire dove e quando sei nata e naturalmente il tuo segno zodiacale?”

Alessia: “Sono nata a Venaria Reale il 9 luglio 1996 sotto il segno del Cancro.“

Silvia: “Quali erano fin da piccola i tuoi interessi?”

Alessia: “Da piccola scrivevo poesie. Mi serviva per sfogarmi e mi dava un senso di evasione e di libertà. Inoltre amavo andare in bicicletta e pedalare in mezzo alla natura.”

Silvia: “Quindi ti piace la natura?”

Alessia: “Si, lì trovo la pace. Non sento il vociare delle persone quindi riesco a ritrovare me stessa e a rilassarmi. Ricordo ancora le sciate in montagna con mia mamma e anche le scarpinate nel periodo estivo. Amo maggiormente la montagna rispetto al mare. Durante le nostre passeggiate, la fatica per arrivare in cima era tanta, ma poi potevo assaporare la grande soddisfazione di aver raggiunto l’obbiettivo con le mie forze. Era ancora più piacevole ammirare il paesaggio da lassù e sentivo di aver vinto la sfida con me stessa. Il mio impegno era stato premiato!”

Silvia: “Questo principio potrebbe valere anche per le altre sfide che dovrai affrontare nella tua vita?”

Alessia: ”Si. Io sento di fare molta fatica ogni giorno della mia esistenza, ma quando mi accorgo di aver superato me stessa raggiungendo l’obiettivo che mi ero posta, la soddisfazione è sempre grande.”

Silvia: “Crescendo quali sono state le tue scelte nell’ambito scolastico?”

Alessia: “Ho frequentato il liceo linguistico e poi mi sono fermata.

Silvia: “Hai anche degli hobbies?”

Alessia: “Attualmente no. Purtroppo non sono più riuscita a scrivere. Mi sembra di avere perso l’ispirazione, le parole.”

Silvia: “In questo momento hai un lavoro?”

Alessia: “Fino a due anni fa lavoravo come segretaria, ma poi ho smesso.”

Silvia: “Come potresti definire il tuo carattere?”

Alessia: “So di essere testarda, ma ho anche una sensibilità molto accentuata. A volte non riesco a controllare le mie emozioni. Se non riesco ad esprimermi e a tirare fuori tutto ciò che ho dentro, scoppio e mi arrabbio troppo.”

Silvia: “Quando ed in che modo hai cominciato la tua carriera di modella?”

Alessia: “E’ capitato casualmente incontrando Gigi Grosso, amico di vecchia data di mia mamma e organizzatore di eventi e sfilate di moda. Ultimamente ho vissuto un periodo di alti e bassi e quando l’ho conosciuto mi ha invitata ad assistere ad una sfilata. Sono rimasta colpita ed affascinata e da quel momento ho deciso di tuffarmi in questa avventura.

Silvia: “Come ti senti quando devi sfilare?”

Alessia: “Mi sento sempre nervosa ed emozionata, perché temo di fare brutta figura e deludere le aspettative degli altri ma soprattutto le mie.”

Silvia: “Come ti prepari per formarti al meglio come modella e quante ore dedichi settimanalmente a questa attività?”

Alessia: “Frequento dei corsi di Portamento e di Posa Fotografica ai quali dedico circa 4 ore alla settimana.”

Silvia: “Com’è il rapporto con i tuoi genitori?

Alessia: “Loro sono il mio punto fermo. I miei genitori ed i miei nonni sono un esempio da seguire per me e li ammiro perché con il loro impegno e i loro sacrifici sono riusciti a creare la nostra bella famiglia.”

Silvia: “Quanto ti appoggiano in questa tua scelta?”

Alessia: “Ho il pieno appoggio di mia mamma, con cui vivo attualmente e anche i miei nonni sono molto orgogliosi di me.”

Silvia: “Preferisci la vita mondana o la classica serata tranquilla con amici?”

Alessia: “La mondanità ovviamente mi piace altrimenti non avrei potuto scegliere questa strada, ma ci tengo anche a dare spazio alla mia vita privata. Mi piacciono le cene con pochi amici per potermi dedicare al meglio ad ognuno di loro.”

Silvia: “Pensi che nella vita per avere successo sia importante essere bella?”

Alessia: “Nel mondo della moda e delle sfilate, in parte si naturalmente, ma io considero prioritari i valori umani. Trovo che sia più importante ciò che si ha dentro piuttosto che la semplice apparenza. La bellezza prima o poi sfiorisce, quindi è necessario concentrarsi su altre cose.”

Silvia: “Cosa diresti alle altre ragazze che come te vorrebbero diventare modelle?”

Alessia: “Direi di provarci ma di rimanere con i piedi per terra. Impegnarsi al massimo per ottenere i vari obbiettivi, ma non deprimersi troppo se ciò non dovesse accadere. Penso inoltre che sia indispensabile affidarsi alle persone giuste e sufficientemente competenti che ci sappiano sostenere e insegnare nel modo corretto senza illuderci inutilmente.”

Silvia: “Qual è il tuo sogno nel cassetto?”

Alessia: “Quando ero piccola avrei voluto fare l’insegnante di Francese, ma ora il mio sogno è diventare una delle ragazze di Victoria’s Secret. Ammetto di volare un po’ in alto, ma un obbiettivo bisogna porselo. Se questo non si potesse avverare, farò altro e certo non mi butterò a terra. Sono convinta che tutte le esperienze ci aiutino a crescere, anche quelle negative. Le delusioni e i fallimenti ci aiuteranno a fare meglio in futuro.”

Silvia: “Bene Alessia, ci hai dato la possibilità di conoscere meglio la parte più intima di te e per questo ti siamo molto grati. C’è qualcuno in particolare che vorresti ringraziare?

Alessia: “Si, vorrei ringraziare Gigi Grosso che mi supporta e mi sopporta sempre con tanta pazienza e competenza. Ringrazio poi naturalmente la mia mamma che mi aiuta nei momenti più difficili. Infine ringrazio la grande Mirella Rocca che mi ha accolta nella sua scuola ed io ne sono molto onorata.

Silvia: “…e noi ringraziamo te per la tua disponibilità e ti facciamo un “in bocca al lupo” per la tua carriera …forza Alessia, tifiamo tutti per te!

Gioda Silvia

Per vedere altre interviste cliccare qui

Condividi Su:

Post correlati

28/3 Pelledoca Milano compie 18 anni di party

Giulio Strocchi

Kumusic Radioshow special edition, per sentire il groove dell’estate…

Giulio Strocchi

Ottici per punti vendita a Lonato (BS)

Giulio Strocchi

Lascia un commento