Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
18.5 C
Ravenna
19 Luglio 2019
Business

Helisir, la cosmesi esclusiva per tutti voi

Helisir, la cosmesi esclusiva per tutti voi
Nasce da un progetto l’azienda ideatrice di una innovativa linea di cosmetica
Arriva in Italia Helisir, azienda svizzera di cosmesi che ha inserito nel mercato due
nuovi prodotti innovativi, nati da un progetto di ricerca durato circa due anni a cui
hanno partecipato i migliori ricercatori di dermatologia e cosmetologia del
Confederazione.
Due i nuovi prodotti che compongono la prima linea di Helisir: Lift Serum e Luxe
Cream.
Il Lift Serum nasce dall’unione delle cellule staminali di faggio con la preziosa bava
di lumaca che, grazie alle proprietà leviganti, idratanti e tonificanti, dona alla pelle
elasticità e morbidezza prevenendo così l’insorgenza di rughe.
La Luxe Cream invece è una crema levigante, resculpting ed uniformante che tonifica
la pelle donandole compattezza e luminosità ed è particolarmente indicata per trattare
e prevenire i segni dell’invecchiamento cutaneo quali rughe, perdita di elasticità e
secchezza da quanto riportato, è una crema perfetta anche per pelli delicate e reattive,
attenuando arrossamenti e donando sollievo.
Anche Luxe Cream di Helisir contiene un’alta percentuale di bava di lumaca ma,
rispetto al siero, la creama è data dall’incontro con l’olio di mandorla spremuto a
freddo.
Secondo quanto riferito da Helisir, tutte le lavorazioni avvengono a freddo per non
alterare le caratteristiche delle materie prime, inoltre, per gli amanti degli animali la
buona notizie è che la bava delle lumache viene presa con metodi “cruelty free”,
quindi in modo naturale e senza incutere dolore agli animali.
Giulio Strocchi
Condividi Su:

Post correlati

Nicola Fasano pubblica “Another Round”

Giulio Strocchi

Villa delle Rose Misano Adriatico: un’estate da Premium

spadaronews

Intervista a Azora Rais su Playboy Italia

Giulio Strocchi

Lascia un commento