Ultimate magazine International Blog.

Intervista al fotografo dei vip Cosmin Maxim

147

Intervista al fotografo dei vip Cosmin Maxim


Lo hanno definito il “fotografo dei vip”. Cosmin Maxim, ventidue anni, originario di Brasov, in Romania, è uno dei talenti emergenti dello show-business nostrano. Appassionato da sempre di fotografia, il giovane romeno di stanza a Fermo, nelle Marche, è ricercatissimo dalle celebrità dello spettacolo per il suo talento inconsueto e il suo carattere estremamente determinato ma gentile. Noi lo abbiamo raggiunto telefonicamente per fare due chiacchiere con lui e conoscerlo meglio.
Cosmin, come e quando è nata la sua passione per la fotografia?
“La mia è una passione innata. Ricordo che, sin da piccolissimo, ero attratto dalla collezione di macchine fotografiche di mio zio e, quando lui non era in casa, ci giocavo, fingendo di essere un fotografo di fama internazionale. Sono sempre stato un cultore del bello, un esteta incallito. Già ai tempi del liceo, ho cominciato a documentarmi sul mondo della fotografia e a seguire corsi specialistici per aspiranti fotografi. Nonostante il mio stile sia molto personale e facilmente riconoscibile, credo che sia comunque importante studiare e prepararsi adeguatamente. Quando ho concluso il mio percorso di studi superiori, avendo più tempo a disposizione, sono riuscito a trasformare la mia passione per la fotografia in un vero e proprio lavoro”.
L’hanno definita il “fotografo dei vip”, visto che lavora quotidianamente con tante starlette dello spettacolo. Com’è stare a stretto contatto con le celebrità?
“Lavorare con le stelle dello show-business per me è una forte motivazione. Quando ho cominciato, qualche anno fa, non ero propriamente a mio agio perché non avevo grande esperienza nel settore. Oggi, invece, sono un habitué di red carpet e palcoscenici importanti. Nonostante io sia un tipo molto estroverso e affabile, nel mio lavoro cerco sempre di mantenere un atteggiamento distaccato e professionale; preferisco non concedere e non pretendere eccesiva confidenza anche se, qualche volta, è capitato che sia nata una sincera e profonda amicizia con qualche personaggio che ho fotografato. Di solito, però, sono molto discreto e tendo a mantenere sempre il massimo riserbo su tutto”.
Quali sono i capricci delle star che ha imparato a conoscere, lavorando sui set fotografici di mezzo mondo?
“Non tutte le star sono capricciose, a dir il vero. Ovviamente, tutte hanno la pretesa di figurare al meglio nelle foto e, per questo motivo, a volte, diventano eccessivamente zelanti. Mi è capitato di lavorare con celebrità estremamente perfezioniste e pignole ma che sono riuscito comunque ad accontentare. Un buon fotografo deve riuscire a ritrarre con veridicità il personaggio ma celando le sue imperfezioni ed esaltandone i punti di forza. E’ questo il segreto del mio successo”.
Qual è il personaggio dello show-business che ricordi con particolare affetto e perché?
“Sicuramente, ricordo con particolare affetto Taylor Mega. Pur apparendo irraggiungibile e lontana, si è dimostrata, invece, molto umile e disponibile; è stata capace di mettermi subito a mio agio, senza spocchiosi atteggiamenti che, talvolta, alcune donne di spettacolo bellissime e desiderate come lei assumono. Non è né snob né antipatica. Mi sono trovato davvero bene a lavorare con lei. Inoltre, durante la Milano Fashion Week di qualche anno fa, ho anche immortalato due super top model come Ashley Graham e Sara Sampaio che si sono prestate gentilmente, senza sottrarsi all’obbiettivo, come invece fanno spesso tante altre star che fuggono o si coprono il volto alla vista di un paparazzo”.
Un vip, invece, che le ha fatto perdere letteralmente la pazienza?
“Lo scorso anno, ho scattato con una concorrente molto famosa di un reality. All’ultimo momento ha dato buca, dicendo che il suo cagnolino aveva avuto un’indigestione e non si sentiva bene, e rimandando gli scatti all’indomani. Il giorno dopo, però, si presentò con ben due ore di ritardo rispetto all’orario stabilito perché il suo fidato amico a quattro zampe doveva passare alla Spa per cani. Non si degnò di chiedere scusa e si comportò con estrema boria e presunzione. Fosse stato per me, l’avrei mollata lì sul set e le avrei detto di farsi scattare le foto dal suo adorato cagnolino”.
I suoi progetti per il futuro?
“Non amo molto programmare il futuro ma mi auguro di poter migliorare sempre di più, perché nella vita c’è sempre e continuamente tanto da imparare. Ho scattato tante bellissime fotografie ma sono convinto quelle le migliori devo ancora farle”.

Per vedere altri articoli cliccare nel link

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito web utilizza i cookie Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico.  Condividiamo inoltre informazioni sul modo in cui utilizza il nostro sito con i nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che ha fornito loro o che hanno raccolto dal suo utilizzo dei loro servizi.  Acconsenta ai nostri cookie se continua ad utilizzare il nostro sito web. Accetta Leggi Qui